Adieu, Meles

3 09 2012

Ieri l’Etiopia ha dato l’ultimo saluto al suo ex primo ministro, Meles Zenawi. In Etiopia, si è trattato del primo funerale di stato per un capo del governo celebrato da ottant’anni a questa parte, una cerimonia solenne a cui hanno preso parte capi di stato e rappresentanti dei governi di tutto il mondo.

il giovane Meles Zenawi

Una figura carismatica quella di Meles Zenawi, che tutti chiamano solo Meles perché qui è il nome di battesimo quello che conta: il cognome è il nome del padre, non esiste un nome di famiglia che si porta avanti con le generazioni, quasi a voler dire che solo il presente è davvero importante. Meles è stato un personaggio su cui si può leggere tutto e il contrario di tutto, un santo o un criminale a seconda dei punti di vista, indiscutibilmente un leader che ha avuto un ruolo di primo piano nella politica non solo etiope, ma di tutta l’Africa.

Quello che mi colpisce in questi giorni ad Addis è il tributo della gente a questo capo di governo amato e contestato, che ha guidato l’Etiopia negli ultimi ventuno anni: un lutto silenzioso e discreto, con le immagini di Meles che apparivano giorno dopo giorno, dal 21 di agosto quando è stata resa pubblica la sua morte, sempre più numerose sulle vetrine dei negozi oppure sui finestrini dei taxi.

Un manifesto per Meles sulla Tele Bole

Dopo i funerali, la vita ad Addis Abeba prosegue normalmente e stamattina la pioggia insistente sembra voler lavare via per bene il lutto e la tristezza. L’Etiopia deve continuare la sua crescita e il suo sviluppo, lo si legge sui manifesti che tappezzano la città con il viso di Meles in primo piano. Noi che siamo qui abbiamo assistito, forse senza rendercene troppo conto, ad un pezzo importante di storia africana: mi auguro che il paese riesca a continuare in pace il suo percorso di sviluppo, facendo prevalere l’interesse delle persone su quello delle etnie o delle religioni.

Ieri il presidente della Nigeria, Goodluck Jonathan, dopo il suo discorso funebre ufficiale,  ha salutato Meles semplicemente così “Adieu Meles, my friend”, con una frase resa viva e vibrante dalla mescolanza della sua lingua madre con l’inglese. Vorrei vedere così l’Etiopia nel futuro: nella differenza, linguistica, culturale, religiosa, che la frase si chiuda sempre con le parole my friend.

Annunci




Di ritorno a casa

20 08 2012

Passare dall’infuocata estate italiana alla stagione delle piogge abissina è stato un bel colpo, considerando che a terra abbiamo trovato anche questa, che sembra proprio neve…

Un’accoglienza gelida, per fortuna che in casa c’erano queste a scaldare il cuore!





La ricetta di cucina che mi riesce sempre

15 08 2012

Continua la staffetta “Di blog in blog” che ha attirato ormai un bel numero di blogger. Questo mese parliamo di cucina.

Una delle leggi non scritte dell’expatriation è che ovunque nel mondo si trovi l’expat (a maggior ragione se italiano) cercherà sempre di ritrovare i sapori di casa sua, vuoi importando valigie farcite di prodotti alimentari introvabili nella nazione di destinazione, vuoi cercando di riprodurre ricette del paese di origine con quello che trova sul mercato locale. La cucina per chi vive lontano dal suo paese di origine rappresenta una sorta di cordone ombelicale che non si è disposti a tagliare troppo presto.

A riprova di questo teorema non scritto ma di inconfutabile verità, un giorno mio marito è tornato dal supermercato con un sacchettino pieno di palline di pane fritte, grandi più o meno come una nocciola, dicendomi: “Non so cosa sono, ma mi ricordavano gli struffoli. Assaggiamo?”

Abbiamo assaggiato: buono. La nostra mamita ci ha detto che queste palline si chiamano dabo kolo (dabo significa pane in amharico) e vengono mangiate come snack; ne esiste anche una versione insaporita con il berberè, il mix di spezie piccante tipico dell’Etiopia. Ma il nostro dabo kolo dal sapore neutro, né dolce né salato in effetti era perfetto per gli struffoli!

Così, senza la fatica di dover impastare e friggere per mezza giornata, ho provato a mettere del miele etiope (presidio Slow Food, buonissimo) in una padella, ho aggiunto dabo kolo, arance e cedri canditi (contrabbandati in valigia dall’Italia, qui da Bambis e Novis si trovano ma a prezzi proibitivi), ho messo il tutto su un bel piatto di portata e ho decorato con semi di anice ricoperti di zucchero colorato (ritrovati in uno scatolone “a sorpresa” ricevuto da un’amica che stava lasciando il paese).

Il risultato finale è bello e buono e… mi riesce sempre!

Questo mese hanno partecipato alla staffetta:

Casa Organizzata – http://www.4blog.info/casaorganizzata
Alessia scrap & craft – http://www.4blog.info/school
Palmy Learning is experience http://laproffa.blogspot.it/search/label/di%20blog%20in%20blog
La Diva delle Curve http://www.divadellecurve.com/search/label/staffetta
Gina Barilla: http://ginabarilla.blogspot.it
Fofina Boudoir http://lefabuleuxdestindefofinaboudoir.blogspot.fr/
Bimbiuniverse- http://bimbiuniverse.blogspot.it
Illustrando un sogno http://silviomacca.blogspot.it/search/label/Di%20Blog%20in%20Blog%20-%20Staffetta
Monica e lo Scrapbooking http://monicc.wordpress.com/category/di-blog-in-blog/
Il Pampano http://ilpampano-designbimbi.blogspot.it/
Il blog di MammaGabry http://leoperedimammagabry.blogspot.com/
GocceD’aria: http://www.goccedaria.it/tag/goccedaria/staffetta%20blog.html/
MadreCreativa http://madrecreativa.blogspot.it/
Vivere a piedi nudi http://vivereapiedinudi.blogspot.it/search/label/di%20blog%20in%20blog
Cristina: http://udinelamiacittaenonnapina.blogspot.it/search/label/Staffetta%20di%20blog%20in%20blog
unamammaperdue http://www.unamammaperdue.blogspot.it
Aline Scipioni Forti http://persempremamma.blogspot.it/search/label/dibloginblog
Idea Mamma: www.ideamamma.it
ero Lucy http://erolucyvanpelt.blogspot.com/search/label/di%20blog%20in%20blog
Essenza Burrosa http://curwitchlicious.blogspot.it/search/label/staffetta
Supermamma: http://supermamma.mammacheblog.com/2012/06/15/video-del-bellaria-relais/
Diario magica avventura: http://www.lamiadolcebambina.blogspot.it/2012/06/staffetta-di-blog-in-blog-la-meta-delle.html
Ostuni Magazine http://ostunimagazine.blogspot.it/search/label/Di%20Blog%20In%20Blog
Pattibum http://pattibum.wordpress.com/2012/06/24/di-blog-in-blog/
Tulimami http://tulimami.blogspot.it
Accidentaccio http://accidentaccio.blogspot.it/search/label/Di%20Blog%20in%20Blog
mammamiacosafaccio!? http://mammamiacosafaccio.blogspot.it/
fiorievecchiepezze http://fiorievecchiepezze.wordpress.com
Il caffè delle mamme http://www.ilcaffedellemamme.it/tag/di-blog-in-blog/
Mavie: http://www.mavie.it/tag/di-blog-in-blog/
Attività Creative per Bambini http://attivitacreativebambini.blogspot.it/Di%20blog%20in%20blog
La bussola e il diario http://bussolavita.blogspot.it/
Priorità e Passioni: http://prioritaepassioni.blogspot.it/
I Viaggi dei Rospi: http://laliviaggi.blogspot.it/search/label/Staffetta%20di%20Blog%20in%20Blog
Il mondo di Cì: http://ilmondodici.blogspot.it/search/label/staffetta%20blog
Sono una Mamma non sono una Santa http://theyummymom.blogspot.it/
mammamiacosafaccio!?…e non chiamarmi mamma http://mammamiacosafaccio.blogspot.it/
cri – http://dovegirailsole.blogspot.it/
StelleGemelle http://www.stellegemelle.com/search/label/di%20blog%20in%20blog
Penso Invento Creo http://pensoinvento.blogspot.it
Elegraf77 http://elegraf77.blogspot.it/
Verdeacqua http://www.ahsonounamamma.blogspot.it/
Bodò. Mamme con il jolly http://www.bbodo.it/tag/di-blog-in-blog/
Mamme fai da te http://mammefaidate.blogspot.it/search/label/Di%20blog%20in%20blog
Debora http://crescereduegemelli-debora.blogspot.it/tag/di-blog-in-blog
Ferengi in Addis https://ferengiaddis.wordpress.com/

L’appuntamento è per il prossimo 15 settembre!





Andare in bici ad Addis

10 08 2012

Addis Abeba non è esattamente una città a misura di ciclista: ho già descritto lo stile di guida etiope e non sto qui a dilungarmi sulla manutenzione di certe strade, dove ci sono buchi grandi e profondi in grado di accogliere un ciclista poco accorto tutto intero.

Nonostante ciò, l’uso delle due ruote ad Addis sta iniziando a prendere piede e spesso i ciclisti locali si fanno dare un aiuto sui saliscendi della città, come questo che ho fotografato mentre si fa trainare da un inconsapevole automobilista.

Ma la bici, si sa, è un mezzo versatile e ci si può persino trasportare una capra! (questa foto me l’ha inviata via mail un’amica un po’ di tempo fa, ma non so chi è l’autore: se per caso dovesse passare da questa pagina e riconoscere la sua creazione, per favore si faccia avanti!).

Ora lo so che i miei amici animalisti grideranno allo scandalo vedendo questa immagine, ma vi posso assicurare che alle persone in certe occasioni è riservato un trattamento se non uguale, almeno di pari livello.





Etiopia batte Italia nella maratona olimpica

5 08 2012

Sono stata un po’ pigra ultimamente, le vacanze, il caldo e il blog lasciato in un angolo.

Oggi però la maratona alle olimpiadi di Londra 2012 merita attenzione, per due motivi.

Primo motivo: la medaglia d’oro va ad una atleta etiope, Tiki Gelana, che ha anche stabilito con il suo tempo un nuovo record olimpico.

Dopo la maratona ha dichiarato “Mi è piaciuta molto. Non appena è cominciata la pioggia, mi sono detta “Grazie Signore”. Adoro correre sotto la pioggia.”

Penso che nessun altro atleta sia allenato come gli etiopi ad affrontare condizioni climatiche come quelle che si sono presentate a Londra oggi: la stagione delle piogge ad Addis Abeba ricalca il clima britannico odierno, normale che Tiki si sia sentita come a casa. Gli atleti etiopi poi si allenano in altitudine, perché di solito vanno a correre sulle colline di Entoto, alla periferia della capitale, a circa 3.000 metri di altezza: a Londra, praticamente a livello del mare, è come se avessero il turbo.

Secondo motivo: un’italiana, una mia concittadina, Valeria Straneo, ha ottenuto il secondo risultato italiano di sempre in questa specialità. Complimenti, davvero, a questa atleta che ha avuto la forza e il coraggio di portare a compimento una gara difficile e faticosa.

E per festeggiare entrambe, fiori etiopi!





La meta di vacanza che consiglierei e perché: l’Etiopia

15 06 2012

Questo mese il tema della staffetta di blog in blog è vacanziero: dove manderesti i tuoi amici in vacanza?

Per me la risposta è ovvia: sarà che nessuno, a parte i nonni, ha mai avuto il coraggio di venirci a trovare qui, ma io i miei amici li farei venire in Etiopia!
Non voglio stare qui a tediarvi con informazioni turistiche che potreste trovare su una qualsiasi guida turistica ben scritta , a parlarvi di quanto siano belle le fonti calde del parco nazionale di Awash , di quanto sia interessante il mercato degli Hamer a Turmi o di come siano impressionanti i monasteri sul lago Tana .
Vi voglio dire perché secondo me vale davvero la pena arrivare fino a qui e spendere un po’ di tempo per vivere questo paese.

  • Perché se mangio il cibo tradizionale con le mani come i bambini, servendomi direttamente dal piatto principale, nessuno mi rimprovera anzi tutti fanno come me.
  • Perché arrivando in Etiopia ringiovanisco di 7 anni , festeggio due volte capodanno, Natale, Pasqua e l’Epifania e celebro pure il Meskel .
  • Perché qui è primavera per 9 mesi l’anno (nonostante quello che dica l’ente per il turismo etiope: 13 months of sunshine , è una trovata di marketing geniale, ma tredici mesi di sole probabilmente ci sono solo in Dancalia!) e le formiche giganti in giardino per fortuna ci sono solo quando piove.
  • Perché se entro in un ristorante o in un negozio con i miei figli il personale ha una tolleranza ed una pazienza che vanno decisamente al di là dei normali limiti a cui ero abituata in Italia.
  • Perché fuori da Addis Abeba ho visto i più bei cieli stellati della mia vita.
  • Perché l’Etiopia è un’Africa lontana dagli stereotipi e dalle generalizzazioni.
  • Perché Addis Abeba ha un clima equatoriale-alpino e sull’altipiano non c’è la malaria.
  • Perché il mal d’Africa esiste davvero, è una sindrome contagiosa, è come un cordone ombelicale che tira un po’ troppo quando ti allontani dalla terra madre.
  • Perché qui fanno il caffè buono ed è il primo paese straniero dove mia madre non si lamenta perchè non sanno fare l’espresso.

  • Perché la povertà è tanta, ma la voglia di riscatto e la dignità sono ancora più grandi.
  • Perché un viaggio del genere ti costringe a riflettere, non necessariamente a cambiare, ma almeno a vedere la vita sotto un altro punto di vista.

I blog che scriveranno questo mese sono:

Bimbiuniverse – http://bimbiuniverse.blogspot.it/2012/04/di-blog-in-blog.html
Casa Organizzata – http://www.4blog.info/casaorganizzata
simona elle – http://www.simonaelle.com/search/label/Staffetta%20tra%20blog
mammachetesta – http://www.mammachetesta.com/category/di-blog-in-blog/
Viaggi e Baci – http://viaggiebaci.wordpress.com/tag/di-blog-in-blog/
MAMMAMIACOSAFACCIO!? – http://mammamiacosafaccio.blogspot.it/
Mamma Studia! – http://mammastudia.blogspot.it/search/label/staffettadibloginblog
BabyGreen – http://www.babygreen.it/search/label/STAFFETTA
Il caffè delle mamme – http://www.ilcaffedellemamme.it/tag/di-blog-in-blog/
Il Blog della Simo http://simobre.wordpress.com/tag/dibloginblog
Priorità e Passioni http://prioritaepassioni.blogspot.it/
Mamme come me – http://www.mammecomeme.com/
Cuore di leonessa http://mogliefidanzatedelreggimentosanmarco.wordpress.com/category/di-blog-in-blog/
Simona Ortolan http://ilpampano-designbimbi.blogspot.it/
Palmy Mens sana – Learning is experience http://laproffa.blogspot.it/search/label/di%20blog%20in%20blog
Accidentaccio http://accidentaccio.blogspot.it/search/label/Di%20Blog%20in%20Blog
Angela Ercolano: http://supermamma.mammacheblog.com/
La Diva delle Curve http;//www.divadellecurve.com
Il mondo di Cì http://ilmondodici.blogspot.it/search/label/staffetta%20blog
Per mille Cammelli! http://permillecammelli.blogspot.it/
Mavie – http://www.mavie.it/tag/di-blog-in-blog/
Mammadifretta: http://www.mammadifretta.com
La bussola e il diario: la vita e il viaggio: http://bussolavita.blogspot.it/search/label/Staffetta%20di%20blog%20in%20blog
Girovaga:http://www.giro-vaga.blogspot.it/tag/di-blog-in-blog/
unamammaperdue http://unamammaperdue.blogspot.it/search/label/di%20BLOG%20in%20BLOG
Cento per cento Mamma http://centopercentomamma.blogspot.it
MammeMatte: http://www.mammematte.org/search/label/dibloginblog
GocceD’aria: http://www.goccedaria.it/tag/goccedaria/staffetta%20blog.html
silviaballico: http://lavandaecioccolato.blogspot.com
Umori in cucina: http://umori-incucina.blogspot.it/
Sul mio divano: http://sulmiodivano.blogspot.it/
Paroladilaura http://www.paroladilaura.blogspot.it/
Diario magica avventura http://lamiadolcebambina.blogspot.it/
Elegraf http://elegraf77.blogspot.it/
Sono una mamma non sono una santa http://theyummymom.blogspot.it/
Cardamom http://www.designcardamom.blogspot.it/
Ideamamma: http://www.ideamamma.it
InMyCloset: http://misssilcrecloset.blogspot.it/
Passe-partout: http://partoutml.blogspot.it/search/label/staffetta%20di%20Blog%20in%20blog
Monica e lo Scrapbooking http://monicc.wordpress.com
Francesca Sfriso: http://mammefaidate.blogspot.it/2012/05/di-blog-in-blog.html
Vivere a piedi nudi http://vivereapiedinudi.blogspot.it/search/label/di%20blog%20in%20blog
Mikkamade http://mikkamade.blogspot.it/
PorcellinoGiramondo http://porcellinogiramondo.blogspot.it/
Gina Barilla – mamma distratta: http://ginabarilla.blogspot.it
Le due Coccinelle: http://www.leduecoccinelle.it/di-blog-in-blog/
Design Therapy: http://www.designtherapy.it/
Tanto per… : http://tantoperche.blogspot.it/search/label/dibloginblog
Mother of two: http://mammadisem.blogspot.it/search/label/DiBlogInBlog
Home-Trotter: http://www.home-trotter.blogspot.it
smilemamysmile: http://www.smilemamysmile.blogspot.co.uk
io&Marc: http://ioemarc.blogspot.com.es/
Illustrando un Sogno: http://silviomacca.blogspot.it/
Crea-Family http://crea-family.blogspot.it/
Le avventure della pand-family http://www.emmaeluca.com/?cat=40
Cristina http://udinelamiacittaenonnapina.blogspot.it/
MAMMACHECASA!http://mammachecasa.blogspot.it/search/label/Staffetta%20Di%20blog%20in%20blog
Allegri Briganti http://www.allegribriganti.it/blog/
Newbie mom http://newbiebloggernewbiemom.blogspot.it/
Bodò. Mamme con il jolly http://www.bbodo.it
Il Turista Informato http://www.ilturistainformato.it
Ostuni Magazine http://ostunimagazine.blogspot.it/
bimbumbeta (di Beta) http://bimbumbeta.blogspot.it/search/label/di%20blog%20in%20blog
Sono al Mondo http://sonoalmondo.blogspot.it/
Ferengi in Addis https://ferengiaddis.wordpress.com/




Fare la spesa a casa di amici

8 06 2012

Tra le tante esperienze nuove e inusuali che l’Etiopia mi sta regalando c’è anche quella di ritrovarmi a fare la spesa a casa di amici.

Mi spiego: chi se ne va da Addis molte volte non può, o non vuole, portarsi dietro tutte le cose che ha acquistato per vivere qui. Così di solito manda in giro via e-mail una lista di oggetti da vendere con il relativo prezzo oppure organizza una giornata di vendita direttamente a casa, dove ogni oggetto acquistabile ha il suo cartellino con il prezzo.

A me questi momenti mettono sempre una tristezza infinita e mi ritrovo a voler comprare un divano (che non mi serve e non saprei dove mettere) su cui tante volte ho preso il caffè e chiacchierato con gli amici solo per poter conservare un pezzetto di vita che sta passando via veloce.

Ho imparato però a mettere da parte la malinconia e ad approfittarne in modo costruttivo, perché queste vendite sono occasioni imperdibili per accaparrarsi oggetti introvabili ad Addis. Le persone che traslocano vendono di tutto e così mi è capitato di tornare a casa con tre bottiglie di Gewurztraminer, con un letto matrimoniale, con uno stampo per i muffin, con un trenino di legno con le rotaie…

E poi succede che gli amici che se ne vanno, quando ti vengono a salutare per l’ultima volta prima della partenza, si presentano con uno scatolone con “gli avanzi” del trasloco, su cui di solito si versano le ultime lacrime prima del volo che li porterà lontani.

Questi scatoloni a sorpresa sono la passione dei miei figli: è come se arrivasse Babbo Natale fuori stagione perché da lì escono patatine e biscotti che mamma non compra mai perché non sono sani, costruzioni e bambole con cui hanno giocato in altre case, vestiti e scarpe che hanno visto indossare dagli amichetti, piatti in cui hanno mangiato, insomma, un tesoro. E ogni volta che ci ritroviamo ad usare questi oggetti, pensiamo agli amici e a quando andremo a trovarli… le vacanze stanno arrivando, aspettateci!








%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: