Perdersi in un bicchiere di succo

9 03 2012

L’altro giorno ero in giro per la città con un’amica e abbiamo deciso di fermarci in un bar a prendere qualcosa da bere. Non essendo più ora di caffè (il caffè etiope è buonissimo, ma bello forte e se lo prendi dopo le 4 del pomeriggio rischi una nottata in bianco) abbiamo optato per un succo di frutta: dovete sapere che in Etiopia i succhi sono generalmente spremuti freschi, da frutta vera, e dunque sono una vera delizia.

Il bar in questione sul menù offriva succhi di arancia, mango, papaya, avocado, fragola, ananas: nell’imbarazzo della scelta, ho avuto la bella idea di chiedere alla cameriera un succo misto, arancia e fragola. Lei mi ha prima guardato smarrita, poi mi ha detto “aspetta, devo chiedere al cuoco”.

Al che, presa da pietà e con il terrore di dover aspettare ore il responso dello chef, ho virato su un più normale succo d’ananas.

Questa scena non è del tutto inusuale qui: declinata e condita in altre salse, spesso capita di vedersi ergere dei muri davanti per delle sciocchezze. A questo punto io mi chiedo: ma è possibile che questi etiopi, che hanno un carattere gentile ed orgoglioso, che quotidianamente affrontano difficoltà e riescono ad arrangiarsi nonostante la loro scarsità di mezzi, si perdano poi in un bicchiere di succo di frutta?


Azioni

Information

9 responses

9 03 2012
destinazioneestero

Hehehe! Ma in generale è un tipico comportamento africano. Non hanno la capacità dell’inventiva. Se non c’è scritto sul menù non si può fare, diventa un problema insormontabile.

9 03 2012
Marina

Esatto! E non solo in questo campo… Ricordo che una volta, a Nairobi, sono andata al drive in con un’amica che aveva con se il pupo di 3 mesi, nella cesta sul sedile dietro. Non ci hanno lasciato entrare… perché era un film vietato ai minori! Giuro!!!
PS Io ad Addis prendevo sempre il frullato misto (proprio misto, all’italiana) in un bar vicino all’Hotel Ghion… era anche bello, a strati colorati verde-arancio-rosso, con avocado, papaya e… non mi ricordo (fragole?). Ma era una proposta del menù, altrimenti apriti cielo! Hehehe!

10 03 2012
ferengiaddis

Sì, i succhi misti sono buonissimi e belli da vedere.

9 03 2012
francescavoglioviverecosi

Ma che bella frutta …qui tante volte sembra finta e spesso e` impacchettata nella pellicola e mi fa un impressione che non riesco a comprarla, se mi capita la prima cosa che faccio arrivata a casa e` spacchettare e metterla in un bel cesto…cosi` sembra piu` naturale!
francesca

10 03 2012
ferengiaddis

Qui i negozi di frutta sono una gioia per gli occhi! Certo, dopo un po’ di mangiar papaya e ananas non ne puoi più e saresti pronta a tutto pur di addentare una bella pesca o due ciliegie!

10 03 2012
destinazioneestero

Ad Asmara c’era un periodo in cui si trovavano delle piccole peschette, bruttine a vedersi per la verità, ma abbastanza buone! E si trovavano anche le mele, piccole pure quelle. Ma l’ananas purtroppo no. Dalla foto vedo anche che c’è una buonissima qualità di mango lì.

12 03 2012
ferengiaddis

Il mango è più bello a vederlo che a mangiarlo, solo nel viaggio che abbiamo fatto a sud ne abbiamo trovato di veramente buoni!
Le mele etiopi sono buone solo cotte: piccole, asprigne, e appaiono solo per un mese l’anno. Io vado avanti con quelle di importazione dal sud Africa o dall’Italia (carbon foorprint impressionante…) che costano una fortuna comparate al resto, ma il mio piccolo mangia solo mele e banane…

23 03 2012
Tamerice

Capito per la prima volta sul tuo blog e mi piace tantissimo, è una botta al cuore perchè mi catapulta indietro alla mia vita africana. Allo stesso tempo è il tipo di blog che avrei voluto avere io se fossi rimasta laggiù. Ma non è detto che non ritorni, anzi!
Intanto mi rammenti la frutta fresca che mangiavo in Libia,, con varietà diverse da quelle che racconti in questo post. Da noi il mango (importato da qualche paese africano) era strepitoso, giallo/verde, non riesco più a mangiare quelli importati in Italia dal Brasile, ‘na tristezza…
Che scorpacciate!
a presto
Eman

23 03 2012
ferengiaddis

Grazie per i complimenti🙂 questo blog è il mio modo per raccontare ai miei amici quello che sto vivendo e per non dimenticarmi in futuro tutte le cose che sto scoprendo qui in Africa.
Ed è vero, una volta che sei stato in Africa, ad andartene ti prende la nostalgia… ti auguro di poter tornare, se è quello che desideri!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: