Il lago Tana e i suoi monasteri

17 01 2011

Il lago Tana è una distesa d’acqua enorme, che ospita sulle sue rive numerosi monasteri, alcuni dei quali risalgono al XIV secolo.

La nostra meta è il monastero di Ura Kidane Mehret, sulla penisola di Sege: ci hanno detto che è il più bello, con le pitture più spettacolari, ed è aperto anche alle donne (in alcune delle chiese possono entrare solamente gli uomini). Per raggiungerlo impieghiamo un’ora con una barca a motore che si ferma diverse volte in mezzo al lago… Incrociamo anche diverse imbarcazioni fatte di papiro e ogni volta ci chiediamo come facciano a restare a galla: in effetti queste barche, come ci spiegherà la nostra guida al monastero, possono essere utilizzate solo per quindici giorni, perché dopo si inzuppano d’acqua e non galleggiano più.

La strada che porta al monastero si inerpica sul fianco della penisola in mezzo a vegetazione lussureggiante, piante di caffè e bancarelle che vendono collane, croci e souvenirs.

Il monastero non delude le aspettative: le pitture, che raccontano le vicende dei libri sacri per tutti i fedeli che non sono in grado di leggere, sono un tripudio di colori.


Azioni

Information

One response

15 06 2012
La meta di vacanza che consiglierei e perché « Ferengi in Addis

[…] Awash , di quanto sia interessante il mercato degli Hamer a Turmi o di come siano impressionanti i monasteri sul lago Tana . Vi voglio dire perché secondo me vale davvero la pena arrivare fino a qui e spendere un po’ […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: