Come in un videogame

7 10 2010

Nonostante sia qui ad Addis da un po’, la cosa che mi sconvolge sempre è lo stile di guida dei locali, e naturalmente anche quello dei ferengi, che gioco forza si devono adattare per non rimanere tutto il giorno fermi al primo incrocio che incontrano sulla loro strada.

La guida qui assomiglia a una di quelle puntate di quel vecchio cartone animato, “la corsa più pazza del mondo”, dove auto di ogni sorta si sfidavano usando ogni genere di scorrettezza: fumate nere, chiazze di olio, sorpassi vietati, speronamenti (tutti visti, tranne l’ultimo per fortuna!)

Quando si è al volante, sembra di essere in un videogame ad un livello già per giocatori esperti: la strada è libera, ma improvvisamente un blue donkey si muova da bordo strada senza mettere la freccia. Lo schivi, ma a sinistra c’è un’auto in panne che per segnalare il suo guasto ha messo qualche grossa pietra sulla carreggiata al posto del triangolo. Ti sposti a destra, ma attenzione! C’è un camion che ti sta superando, a destra naturalmente! La strada davanti a te è libera, finalmente, ma dal nulla sbuca un pedone che attraversa la strada: lentamente, zoppicando appoggiandosi ad un bastone oppure trascinando un grosso fardello che ne rallenta il passo.

Riprendi la marcia, ma poco più in là un asinello, oppure una capretta, o qualche mucca che fino ad allora ha tranquillamente brucato l’erba dello spartitraffico decide di andare dall’altra parte della via.

All’ultimo livello del videogioco ci sono anche i lavori stradali, non segnalati né messi in sicurezza in qualche modo: attenti al buco!


Azioni

Information

3 responses

2 02 2012
Mauro

Hai ragione, guidare ad Addis Abeba è come essere un personaggio di un video game, anche se a me pare guidare nell’ “autoscontro” dei parchi giochi. Le regole sono leggermente diverse: lì devi scontrare più auto possibili, qui le devi evitare… certo qui ci sono diversi handicap: asini, pietre, pecore, pedoni ubriachi (o così sembrano, visto come attraversano) ecc.
Comunque è divertente… finchè tutto va bene!

3 02 2012
ferengiaddis

Verissimo, e tornando in Italia gli automobilisti ti sembrano perfino disciplinati!

10 08 2012
Andare in bici ad Addis « Ferengi in Addis

[…] Abeba non è esattamente una città a misura di ciclista: ho già descritto lo stile di guida etiope e non sto qui a dilungarmi sulla manutenzione di certe strade, dove ci sono buchi grandi e profondi […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: